gary-heseltine
L’uomo che vedete in foto di chiama Gary Heseltine ed è un agente della British Transport Police che nel tempo libero si occupa della sua più grande passione: gli Unidentified Flying Object, comunemente noti con l’acronimo UFO.

Questo suo interesse è nato proprio con un avvistamento, come racconta lo stesso Gary: “avevo 15 anni e stavo accompagnando la mia fidanzatina a casa quando vediamo un luminoso oggetto bianco che attraversa il cielo. Improvvisamente i lampioni di spensero. Mi precipitai a casa e raccontai tutto ai miei genitori, avvertendoli che da lì a pochi secondi ci sarebbe stato una breve interruzione di corrente. Non mi credettero così uscii in giardino, proprio nel momento in cui l’oggetto stava passando sopra il tetto della mia abitazione: come avevo previsto le luci di casa si spensero per qualche secondo.

Qualche anno dopo gli capitò tra le mani una rivista dedicata proprio agli UFO in cui venivano elencati tutti gli strani avvistamenti segnalati dai radar dei militari. Decise quindi di approfondire l’argomento e nel gennaio 2002 da il via al database PRUFOS (Police Reporting UFO Sightings), consultabile all’indirizzo www.prufospolicedatabase.co.uk (che sarà di nuovo on-line entro pochi giorni).

Lì Gary elenca meticolosamente tutti gli UFO avvistati dagli agenti di polizia di tutto il Paese e proprio pochi giorni fa ha aggiornato il database inserendo 50 nuovi casi di avvistamento che hanno coinvolto 106 agenti.

E se vi state chiedendo come mai Gary ha scelto proprio gli agenti di polizia, ecco la risposta: “Sono stati addestrati per effettuare descrizioni dettagliate e il loro giudizio si astiene a qualsiasi interpretazione, pertanto sono testimoni altamente credibili“.

Tra le segnalazioni più curiose riportate da Gary c’è sicuramente quella del suo collega Alan Godfrey, che nel 1980 a Todmorden avvistò un UFO a forma di diamante (la foto qui sotto vi mostra una sua ricostruzione). Incredulo e sconvolto tentò di chiamare la centrale, ma alcune interferenze glielo impedirono. Provò allora ad uscire dall’auto, ma fu accecato da una fortissima luce e perse i sensi. Quando si risvegliò, una quarantina di minuti dopo, si trovava di nuovo alla guida della sua auto poco distante dal luogo dell’avvistamento.

Alan Godfrey-UFO

E voi che ne pensate? Credete o no all’esistenza di questi oggetti volanti non identificati? [via The Sun]

Be Sociable, Share!