Jason, Freddy, Myers. Tutti abbiamo bisogno di qualcuno a cui ispirarci

Se siete alla ricerca di un film interessante, con toni horror ma anche divertente, da gustarvi comodamente a casa seduti sul vostro divano, ecco quello che potrebbe fare al caso vostro. Da qualche giorno è infatti disponibile in noleggio Behind the Mask: La Storia di un Serial Killer (Behind the Mask: The Rise of Leslie Vernon) che noi di Splattlog abbiamo visto e recensito per voi.

behindthemask

Premessa: ci troviamo in una realtà popolata da brutali assassini, una realtà in cui personaggi come Michael Myers, Freddy Krueger e Jason Voorhees sono realmente esistiti e le loro imponenti figure fanno ombra sui serial killer pronti ad emergere.

E’ così che vive Leslie Vernon, aspirante assassino di massa deciso ad entrare nella storia. E in un epoca in cui i reality show sembrano regalare fama a destra e a manca, Vernon decide di chiamare una troupe televisiva per farsi riprendere durante la preparazione del suo prossimo massacro, studiato meticolosamente a tavolino.

Sì perchè, come già fece Wes Craven nel suo Scream, anche qui le regole base di questo filone cinematografico vengono smontate ad analizzate: nulla viene lasciato al caso, non sono previste improvvisazioni. vediamo così Vernon scegliere già dal principio la location del massacro, la sua final girl – che ovviamente deve essere una vergine -, posizionare le giuste armi nei giusti posti prevedendo le azioni dei giovani scelti per il massacro. Sa già quale sarà la sua prima vittima, chi morirà per secondo e così via. E, come ogni serial killer che si rispetti, deve anche prevedere la sua morte e regolarsi di conseguenza.

leslie-vernon3

Ma che succede quando un piano così perfetto viene messo a rischio da una troupe che improvvisamente si rende conto di quanto sia sbagliato quello che sta accadendo? A voi il compito di scoprirlo.

Diciamo subito che questo Behind The Mask non è certamente un capolavoro ma, forte di una sceneggiatura più che valida, di situazioni divertenti – una su tutte l’intervista al serial killer in pensione sposato con l’unica donna che sia riuscita a sfuggirgli – e di una buona dose di tensione, merita senza dubbio una visione, soprattutto da parte di chi è cresciuto a pane e slasher movie.

Si tratta infatti di uno spassionato omaggio a tutti i grandi horror slasher degli ultimi anni e questa dichiarazione di amore compare in numerosissime occasioni, a partire dagli attori che hanno vi hanno preso parte.

Iniziamo dal grande Robert Englund che qui veste i panni di Doc Halloran, il cosiddetto dottor Loomis di questo serial killer in ascesa. C’è poi un cameo di Kane Hodder, per ben 4 volte dietro la maschera di Jason Voorhees (più precisamente nei capitoli 7, 8, 9 e 10), ma anche la medium di Poltergeist Zelda Rubinstein. Solo per citarne alcuni.

Titolo originale: Behind the Mask: The Rise of Leslie Vernon
Titolo italiano: Behind the Mask – La Storia di un Serial Killer
Regia: Scott Glosserman
Sceneggiatura: Scott Glosserman, David J. Stieve
Interpreti: Nathan Baesel, Angela Goethals, Robert Englund, Scott Wilson, Zelda Rubinstein
Produttore: Scott Glosserman
Produttore esecutivo: Al Corley, Andrew Lewis, Eugene Musso, Bart Rosenblatt
Distribuito in Italia da: Sony Pictures
Nazione: USA
Anno: 2006
Durata: 92 minuti

Voto: 7

leslie-vernon1

Be Sociable, Share!