La paura iniziò quando si svegliò da solo. Il terrore cominciò quando capì che non lo era affatto.

È stato diffuso un potente virus. Trasmesso in una goccia di sangue e con effetti devastanti nel giro di pochi secondi, il virus condanna coloro che infetta a vivere in uno stato permanente di furia omicida. Dopo 28 giorni il paese è completamente contaminato, quando un gruppo di superstiti inizia a fare dei tentativi per salvare il futuro dell’umanità, non realizzando a pieno che il virus mortale non è la loro unica minaccia.
L’ultimo film di Danny Boyle, regista di culto di Trainspotting e The Beach, evoca l’orrore senza mostrarlo. L’intensità delle scene resa reale dalla bravura degli attori (Cillian Murphy, Naomi Harris, Brendan Gleeson) lo rende un vero horror d’autore. Indimenticabile. Imperdibile per gli appassionati del genere.

28_giorni_dopo

E’ passato ormai qualche anno dall’uscita del bellissimo 28 Giorni Dopo e ancora oggi non possiamo che concordare – almeno in parte – con quanto scritto nel retro del DVD. Vero è che il film è indimenticabile e che gli appassionati del genere non dovrebbero perderselo, meno vero è che Danny Boyle ci evoca l’orrore senza mostrarcelo.

Non ce lo mostra nella prima parte del film, quando la desolazione di una città come Londra vale molto più di mille parole, ma nel corso di quei 112 minuti di orrore ne vediamo eccome. Occhi iniettati di sangue che si aggirano per la città in cerca di nuove vittime, piccoli gruppi di superstiti che dovranno fare di tutto per continuare a sopravvivere in un mondo nel quale la pazzia ha preso il sopravvento.

Moltissimi i premi conquistati da questo film, tanti quasi quanto le critiche che gli sono state mosse: attaccato perchè troppo simile ai film George A. Romero, deriso perchè si proponeva come una novità nel panorama horror mentre il tema dell’incidente batteriologico era già stato trattato ne La Città Verrà Distrutta All’Alba sempre di Romero.

O ancora la storia delle scimmie – usate da Boyle all’inizio del film – era un’idea venuta ancora una volta a Romero nel suo Monkey Shines. E i critici hanno detto, che contributo a dato Boyle quando tutte le idee migliori venivano da quel genio conosciuto da tutti come il padre degli Zombie?

28dayslater_01

A noi poco importa, un bravo regista deve anche essere in grado di prendere i giusti spunti, di mettere insieme idee già usate e creare un mix esplosivo. E in questo Boyle è stato un maestro. E’ riuscito a sconvolgerci con una Londra tristemente deserta e a farci soffrire utilizzando una sola goccia di sangue che cade nell’occhio di uno dei protagonisti, a tranquillizzarci di fronte alla vista di un elicottero e ad indignarci una volta scoperta la brutalità dei militari.

Voto: 7

Rete4 questa sera ci offre la possibilità di rivedere questo gioiellino inglese uscito nelle sale nel 2002 e seguito cinque anni dall’interessante 28 Settimane Dopo.

28giornidopo_dvd02

Vediamo ora da vicino una delle edizioni in DVD di questo film, successivamente uscito in doppio disco con l’aggiunta di non troppo esaltanti contenuti speciali.

DVD (7,27 Gbyte)
contiene film e contenuti extra
Audio: Italiano Dolby Digital 5.1, Inglese Dolby Digital 5.1
Sottotitoli: Italiano, Inglese
Formato Video: 1.85:1 Anamorfico, 16:9
Regione: 2
Note: Vietato ai minori di 14 anni
Durata: 112 minuti circa

28giornidopo_dvd03

CONTENUTI SPECIALI

Scene Tagliate (con commento opzionale di Danny Boyle e Alex Garland):
– passeggiata per Londra (1 minuto circa)
– il treno abbandonato (2 minuti circa)
– carneficina sull’autostrada (1 minuto circa)
– taxi/svezia (2 minuti circa)
– l’infetto nella casa (2 minuti circa)
– le tavole del pavimento (1 minuto circa)
– sogno all’ospedale (4 minuti circa)

Finali Alternativi:
– finale alternativo (2 minuti circa)
– finale alternativo con il commento di Danny Boyle e Alex Garland
– storyboard del finale alternativo (11 minuti circa)
Pura Follia: il making di 28 Giorni Dopo (24 minuti circa)

28giornidopo_dvd04

Gallerie Fotografiche:
– foto di scena con commento
– istantanee di polaroid con commento

Il Marketing:
– trailer corto
– trailer cinematografico
– storyboard animati dal sito web inglese ufficiale
– video musicale “Jacknife Lee”

Questo è il finale alternativo girato da Boyle e successivamente scartato,

Ed ecco invece la scene non inserite nella versione definitiva del film e disponibili tra gli extra del DVD:

L’appuntamento è quindi per questa sera alle 23.25 su Rete4. Il Futuro Ha I Giorni Contati.

Be Sociable, Share!