Il mistero è stato svelato. Il nuovo Predators, di cui si è parlato più volte nelle ultime settimane, ha un regista: Nimród Antal, nato a Los Angeles nel 1973, già dietro la macchina da presa per Vacancy, del 2007, e Kontroll del 2003.

predator1987_01

A rivelarlo in anteprima è stato Robert Rodriguez, produttore del film, sulle pagine di Ain’t It Cool:

Nel 1994 ero stato chiamato a scrivere la sceneggiatura di un possibile remake, non mi era stato chiesto altro e non ho mai pensato che avrei lavorato al progetto in altre vesti. Qualche mese fa Alex Young della Fox mi ha contattato chiedendomi di reinventare il franchising sulla base della bozza che avevo scritto in passato, in modo da realizzare un film il più lontano possibile dai vari Alien Vs. Predator. Non me lo sono fatto chiedere due volte, ma non è facile essere soltanto uno sceneggiatore: tu butti giù le tue idee migliori, poi passa tutto in mano a qualcuno e alla fine il progetto sfugge di mano, non ne hai più il controllo. Producendo il film ecco che riacquisto questo controllo, pur non dirigendolo.

Dopo aver visto Armored, l’ultimo lavoro di Nimród Antal, Rodriguez non ha avuto dubbi su chi avrebbe dovuto dirigere il film:

Prima di tutti, trovo che Antal sia una persona molto positiva, un grande comunicatore pieno di idee e dopo averlo incontrato ti rendi conto di come sia bravo nel relazionarsi con cast e crew e tirar fuori il meglio da tutti loro. Mi è sempre piaciuto Kontroll, dove Antal dimostra di essere un filmaker pieno di risorse ed estremamente originale. Poi, dopo aver visto Armored, ho scoperto che è anche molto bravo nel gestire le scene d’azione ed ha un grande occhio per i casting. Mi ricorda molto Quentin per come riesce a lavorare con gruppi di persone estremamente talentuosi e farlo sembrare un gioco.


Prosegue poi con qualche dettaglio in più su questo progetto:

Lo script di Predators che scrissi all’epoca era estremamente vasto, grandioso: come sceneggiatore, non dovetti preoccuparmi della sua realizzazione, non mi importava se era il 1994 e se quello che avevo scritto era quasi impossibile da realizzare. Quello era un problema del regista, non mio. Io volevo solo scrivere un’ottima sceneggiatura, che purtroppo ora mi si è rivoltata contro. La buona notizia, però, è che oggi quasi tutto quello che ho scritto è facilmente realizzabile. Certo, abbiamo fatto qualche aggiustamento, ma si tratta comunque di un progetto molto ambizioso.

predator1987

E ancora,

Non posso rivelare molto, visto che siamo ancora in fase di stesura dello script, ma quello che è certo è che ci sarà un un gruppo di persone che capiterà su un pianeta Predator e scoprirà una serie di orrori, non sempre provenienti dall’esterno del gruppo. Quindi, come per il film originale, anche in questo caso il titolo ad un doppio significato. Stiamo cercando di realizzare quello che Aliens era per Alien, sarà in parte connesso all’originale, ma ci sarà un’idea estremamente originale. Quello che è certo è che dopo questo film nessuno parlerà più di Alien Vs. Predator. Non possiamo permetterci di fallire.

Insomma, vi ha convinto? Dobbiamo aspettarci qualcosa di grande da questo progetto? Riuscirà davvero a farci dimenticare quei brutti crossover con la saga di Alien?

[via Ain’t It Cool]

Be Sociable, Share!